Agnonese in zona play-off, Rullo butta acqua sul fuoco: “Restiamo con i piedi a terra”

Dopo il successo sulla Recanatese, il trainer granata predica calma. Minicucci: "Possiamo farcela". E Kone dedica il gol al dirigente Di Pietro

AGNONE. “Una vittoria che vale doppio per la forza di un avversario il quale non scopriamo certo noi. Merito dei ragazzi che sanno saputo interpretare al meglio una sfida sulla carta difficilissima. La cosa che mi è piaciuta di più è stata la reazione dopo il gol del vantaggio della Recanatese a dimostrazione che questo gruppo non molla mai”. E’ raggiante Erminio Rullo nella sala stampa del ‘Civitelle’ e non usa giri di parole per complimentarsi con la squadra. Alla domanda dove vuole arrivare questa Olympia, l’ex giocatore di Napoli e Lecce, butta acqua sul fuoco: “Viviamo gara dopo gara e non guardiamo alla classifica che potrebbe farci fare voli pindarici”. Mentre sulla prestazione dei singoli ammette: “Mi è piaciuto tantissimo la personalità dell’under Vogliacco a mio avviso uno dei migliori in campo, ma è stata tutta la squadra a girare nella maniera giusta”. E intanto in vista della trasferta di Cattolica, prossimo avversario dei molisani, avverte: “Sono le partite più difficili che bisogna saper preparare nel miglior modo possibile. Lo faremo a partire da martedì ma ora ci godiamo questi tre punti”. Chi invece crede che il volo possa continuare è il centrocampista Manèl Minicucci il quale non nasconde le ambizioni del club di viale Castelnuovo. “Prima di tutto pensiamo alla salvezza, ma aver dominato una squadra come la Recanatese la dice lunga su dove può arrivare l’Agnonese. I play-off? Perché no,  se giochiamo sempre con questa cattiveria e determinazione, credo che l’obiettivo possa essere alla portata”. Il match winner Mamadou Kone dedica il gol al dirigente Giuseppe Di Pietro. “E’ una persona eccezionale che durante la settimana si mette a disposizione per qualsiasi cosa. Questo gol è tutto suo. Personalmente dove voglio arrivare? Non metto limiti e ricordo la scommessa fatta in estate con il presidente Marco Colaizzo al quale dissi di aspirare alla doppia cifra. Tuttavia l’importante è che vinca l’Olympia, se poi segna Kone ancora meglio”. A detta di tutti il miglior in campo è stato Vittorio Vogliacco, scuola Bari e da due giornate titolare di una difesa schierata a tre. “Sapevo che prima o poi sarebbe arrivato il mio momento e spero di aver ripagato la fiducia del mister e della società. Ad Agnone mi trovo benissimo e mi auguro di continuare così”. Infine Federico Giampaolo tecnico dei leopardiani rilancia: “La squadra non mi è dispiaciuta ma oggi abbiamo perso una occasione per avvicinarci al Notaresco sconfitto in casa dal Campobasso. Comunque sono convinto che per la vittoria finale possiamo dire ancora la nostra”.

Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.