Calcio serie D, Foglia Manzillo controcorrente: “Siamo sulla strada giusta”

Il tecnico dell'Agnonese analizza la sconfitta contro la Recanatese e ammette: "Per 65 minuti abbiamo tenuto testa agli avversari". Alessandrini: "Vittoria dedicata alle vittime di Porto Recanati"

AGNONE – “E’ un risultato che ci penalizza oltremisura. Dispiace soprattutto perché abbiamo tenuto botta ad un avversario con elementi di altissima qualità per 60-65 minuti. Dopo il loro vantaggio abbiamo sfiorato più volte il pareggio che a mio avviso meritavamo. Dopodiché non saprei come sarebbe andata a finire la gara”. Antonio Foglia Manzillo è rammaricato per il pesante passivo subito dalla Recanatese, tuttavia è fiducioso per il futuro. “Eravamo in formazione assai rimaneggiata e con una panchina cortissima, eppure, a mio avviso, abbiamo disputato una grande gara con belle giocate e conclusioni che fino a sei-sette domenica fa mancavano. Ci manca il risultato, è vero, ma credo sia questa la strada giusta da seguire”. Della conduzione arbitrale il tecnico campano preferisce non parlare. “Dopo quanto visto a Monte San Giusto è meglio stare zitti. Anche oggi ci manca un rigore, ma ormai ci sono abituato. Non ci resta che salvarci solo ed esclusivamente con le nostre forze”. Cita la salvezza l’allenatore dei granata e indica la tabella di marcia. “Adesso c’è la sosta e recupereremo gente importante (Salifu, Albanese, Araldo, Ribeiro) che dovrà farsi trovare pronta per le due prossime battaglie, ovvero la trasferta di Santarcangelo e la sfida interna contro la Savignanese. Servono necessariamente sei punti, ma dico   meglio lavorare dopo una sconfitta del genere che non dopo i pareggi ottenuti contro Isernia e Castelfidardo”. Infine l’appello a pubblico e tifoseria. “Abbiamo bisogno del loro aiuto, abbiamo bisogno di sentire il loro calore soprattutto in un momento come questo. Se da un lato posso capirli, dall’altro devono recepire l’importanza di stare al nostro fianco. O ci salviamo tutti, o retrocediamo tutti”.

Di umore decisamente diverso Marco Alessandrini, trainer della Recanatese che in sala stampa esordisce con un pensiero rivolto a chi non c’è più. “Questa notte in un terribile incidente stradale a Porto Recanati, sono venuti a mancare Gianluca Carotti e la moglie Elisa Del Vicario. Gianluca, era l’allenatore dei Pulcini di una società vicina alla Recanatese. A nome della società e dei giocatori siamo vicini alla famiglia che in queste ore vive un momento drammatico”. E sulla gara sottolinea. “Dopo il gol del vantaggio ci siamo abbassati troppo permettendo all’Agnonese di rendersi pericolosa in diverse circostanze. Nella ripresa siamo tornati a fare quello che sappiamo e dimostrato anche domenica scorsa contro il Cesena e sono convinto che i tre punti sono meritati”.

Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.