Campo scuola di Castelpetroso: i ragazzi incontrano i cani antidroga della Polizia

Trenta ragazzi del Campo Scuola di Castelpetroso incontrano i cani antidroga della Polizia.

Questa mattina, 30 ragazzi, di età compresa tra gli 11 e i 16 anni, hanno incontrato due cani antidroga della Polizia di Stato, Amira di 5 anni e Africa di 2, con i due poliziotti che li affiancano tutti i giorni.
I poliziotti hanno mostrato ai ragazzi, provenienti dal Campo Scuola di Protezione Civile ed Ambientale organizzato dall’Associazione Volontari della Protezione Civile “Don Nicola Canzona” di Castelpetroso, le abilità dei due pastori tedeschi nell’individuare le sostanze stupefacenti, spiegando loro che, per raggiungere il fondamentale affiatamento che lega il conduttore al suo cane, è necessario un lungo periodo di addestramento.
I ragazzi, entusiasti, hanno posto numerose domande ai due Agenti sulla vita quotidiana di Amira e di Africa, chiedendo se, a fine “carriera”, le stesse possano essere affidate ai poliziotti con i quali hanno lavorato, ricevendo rassicurazioni in tal senso.

I ragazzi hanno poi visitato la Sala Operativa della Questura, “vivendo” per qualche minuto l’attività quotidiana degli operatori della Polizia di Stato che, via radio, gestiscono gli interventi delle “Volanti” in soccorso dei cittadini e nell’attività di prevenzione e controllo del territorio.
Nell’occasione, ai ragazzi è stata presentata la nuova applicazione della Polizia di Stato, YouPol, che permette di segnalare, anche in forma anonima, mediante un messaggio inviato con il telefono cellulare, casi di spaccio di sostanze stupefacenti e di bullismo.
I messaggi trasmessi con questa applicazione giungono proprio all’operatore della Sala Operativa che invia sul posto la pattuglia della Polizia più vicina al luogo indicato.

I ragazzi hanno, poi, visitato il Gabinetto di Polizia Scientifica, dove hanno potuto vedere come gli operatori effettuano il “fotosegnalamento” delle persone fermate, con il rilevamento digitale delle impronte e delle fotografie.

Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.