Covid19, scuole chiuse: l’istituto di Castiglione attiva la didattica a distanza

CASTIGLIONE MESSER MARINO – «Abbiamo attivato la didattica a distanza. Sin dai prossimi giorni attiveremo, le stiamo organizzando, altre modalità di e-learning soprattutto per i ragazzi più grandi». 

La dirigente dell’istituto scolastico di Castiglione Messer Marino, Anna Paolella, annuncia l’attivazione della didattica a distanza, per dare una certa continuità didattica nonostante la chiusura delle scuole ordinata dal Governo al fine di contenere il contagio del Covid19.
Le misure di contenimento dell’emergenza sanitaria hanno determinato la sospensione delle attività didattiche in presenza dal 5 marzo al 15 marzo prossimo. «Tali misure tuttavia, al fine di garantire il diritto allo studio e alla partecipazione scolastica, hanno previsto l’attivazione di percorsi didattici alternativi, attraverso l’uso degli strumenti telematici a disposizione delle scuole e dell’utenza. – si legge nella circolare scolastica – Tanto premesso, per affrontare la situazione con serenità e senso di responsabilità, si comunica che è necessario approntare azioni, a carattere didattico e comportamentale, utili e funzionali ai processi di apprendimento degli alunni e degli studenti. La didattica a distanza offre opportunità metodolgiche innumerevoli, alternative alla didattica in presenza, e contribuisce allo sviluppo dei processi di apprendimenti e alla formazione dell’identità dei soggetti in età evolutiva a partire dalle esperienze personali o riferibili al proprio contesto di vita. L’apprendimento telematico, infatti, se ben coordinato, consente una negoziazione di significati e obiettivi tra il singolo e la comunità educante, anche se a distanza. L’animatore digitale e il team dell’innovazione provvederanno ad inviare ai docenti un tutorial relativo all’utilizzo della sezione didattica a distanza e saranno a disposizione per ogni necessità dei colleghi. I docenti, tramite la bacheca del registro elettronico, supporteranno i genitori, gli studenti e gli alunni nella fruizione dei contenuti didattici. I docenti, quindi, durante questo periodo di sospensione dell’attività in presenza: prepareranno materiali e attività da condividere con i propri alunni e i propri studenti attraverso i mezzi mediatici più funzionali e idonei allo scopo; attiveranno percorsi didattici online tenendo conto delle proprie ore di insegnamento e predisponendo attività commisurate alle ore della propria disciplina; potranno attivare attività didattiche sincrone o asincrone anche attraverso l’utilizzo di piattaforme online per videoconferenze o deposito di materiali didattici, tenendo conto delle modalità di apprendimento dei propri alunni/studenti; avranno cura di verificare che gli strumenti e le modalità didattiche predisposte siano fruibili ed accessibili a tutti, ai fini di una reale didattica inclusiva. Il docente coordinatore di classe verificherà che tutti gli alunni siano in possesso del materiale scolastico (libri e quaderni) eventualmente utile per lo svolgimento delle attività didattiche. In caso contrario, il coordinatore, al fine di evitare ingressi non controllabili per il recupero dei materiali nei plessi scolastici, fisserà un appuntamento in orario antimeridiano, dalle ore 10 alle ore 12 con i genitori interessati, per il recupero dei libri e dei quaderni eventualmente lasciati a scuola».

Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.