Derby al “Mario Lancellotta”: suicidio Agnonese, da 0-2 a 2-2

I granata, avanti di due reti, si fanno riacciuffare dall'Isernia nel finale nonostante la superiorità numerica. Tutti i risultati, la nuova classifica e il prossimo turno

ISERNIA – Da 0-2 a 2-2 con un uomo in più. Suicidio Agnonese al “Mario Lancellotta” di Isernia dove i granata, avanti di due reti, si fanno riacciuffare nel finale di gara nonostante la superiorità numerica. Fatale la ripresa con l’undici di Mecomonaco che ha tirato i remi in barca e non ha saputo ripetere la convincente prestazione dei primi 45 minuti di gioco. Olympia in vantaggio dopo un quarto d’ora grazie ad una invenzione di Diarra dal limite dell’area. Poi in scena il festival del gol mancato con Formuso capace di dilapidare il raddoppio a due passi da Del Giudice, Ancora, che a girare colpisce il palo, e Sorgente la cui conclusione viene deviata in corner dall’estremo locale. Nel secondo tempo, malgrado la pressione dei biancocelesti, gli altomolisani raddoppiano con un penalty calciato da Ricciardi (66’) e procurato da Sorgente. Tuttavia sul più bello arriva il crollo. L’Isernia infatti dapprima accorcia le distanze con Petitti (69’) e dopo pareggia su rigore trasformato da Romano (88’). Di mezzo l’espulsione comminata dal signor Tesi di Luca a Barretta per fallo a gioco fermo su Sorgente. A tre giornate dalla conclusione del campionato, il pareggio di Isernia tiene ancora viva la speranza dell’Agnonese di poter accedere ai play-out salvezza. A questo punto fondamentale il match di giovedì Santo al Civitelle quando arriverà il Pineto di Amaolo.

Il tabellino

Fc Isernia – Olympia Agnonese 2-2

Reti: 14’ Diarra, 66’ rig. Ricciardi, 69’ Petitti, 88’ rig. Romano

Fc Isernia (4-3-3): Del Giudice 6,5, Lenoci 6, Capuozzo 6 (71’ Marino 6), Frabotta 5,5, Barretta 4,5, Di Lonardo 6 (83’ Vitale sv), Petitti 6 (82’ Iaboni sv), Fazio 6,5, Schena 6 (92’ Cacic sv), Kameni 6, Romano 6. All.: Silva

Ol. Agnonese (4-3-3): Maraolo 6, Corbo 5,5, Gentile 5,5, Albanese 6, Ricciardi 6,5, Cassese 6, Sorgente 6 (71’ Ribeiro 5), Pejic 6,5, Formuso 4,5 (59’ Bisceglia 6), Ancora 6 (92’ Dezai sv), Diarra 7,5 (90’ Araldo sv). All.: Mecomonaco

Arbitro: Tesi di Lucca

Note: 250 spettatori circa con 120 provenienti da Agnone. Espulso Barretta. Ammoniti: Formuso, Maraolo, Lenoci. Recupero: 1’ + 6’

Gli altri risultati: Campobasso-Castelfidardo 3-4; Forlì-Sangiustese 1-0; Jesina-Sammaurese 1-0; Montegiorgio-Notaresco 1-1; Pineto-Giulianova 3-1; Recanatese-Matelica 1-0; Santarcangelo-Francavilla 2-3; Savignanese-Avezzano 0-1; Vastese-Cesena 1-2.

La nuova classifica: Cesena 78, Matelica 73, Recanatese 61, Pineto 59, Francavilla 55, Sangiustese 54, Notaresco 53, Jesina 49, Savignanese, Montegiorgio 47, Campobasso 44, Sammaurese 43, Vastese 41, Giulianova 37, Avezzano, Forlì  36, Isernia 34, Santarcangelo 33, Agnonese 32, Castelfidardo 24.

Prossimo turno giovedì 18 aprile: Castelfidardo-Vastese; Avezano-Campobasso; Sammaurese-Isernia; Francavilla-Jesina; Giulianova-Montegiorgio; Agnonese-Pineto; Forlì-Santarcangelo; Matelica-Savignanese; Notaresco-Cesena.

Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.