Efficientamento energetico, Marcovecchio: “Ad Agnone un centro hub internazionale”

Il vice sindaco illustra le ultime novità all’indomani della due giorni tenutasi in Montenegro  

AGNONE –   Proseguono le attività del Comune di Agnone nell’ambito del Programma Interreg – IPA CBC Italy – Albania – Montenegro, Progetto REEHub (Regional Efficiency Energy Hub), attraverso un partenariato che coinvolge vari stakeholders, riguardanti il Ministero delle Infrastrutture e dell’Energia (Albania), l’Università del Montenegro, l’istituto Barleti (Albania), il DITNE (Italia), l’ENEA (Italia), il Comune di Campobasso. Nei giorni 12 e 13 giugno si è svolto un meeting, tenutosi presso l’Università del Montenegro, a Podgorica, per fare il punto dello stato di avanzamento dei lavori, che ha impegnato ciascun partner nel presentare le azioni svolte e il programma futuro, conformemente alle previsioni del progetto originario.

Il Comune di Agnone è stato rappresentato, dall’ingegnere Diego Salzano, quale tecnico incaricato per le fasi di avvio e impianto del centro hub, una struttura nascente in alcuni spazi di Palazzo Bonanni, un centro che fa capo al Comune di Agnone e che si intende configurare quale riferimento specialistico di supporto tecnologico, a mezzo di strumentazione dedicata che il Comune sta acquistando e che potrà mettere utilmente a disposizione per svolgere rilievi termometrici sulle strutture edilizie e monitorarne l’efficienza energetica. Il centro hub assumerà anche un rilievo formativo, sia per gli ordini professionali tecnici che per le realtà scolastiche ad indirizzo tecnico attinente al settore dell’energia, quale sede per l’approfondimento degli argomenti relativi al tema dell’energia in campo edile, anche attraverso la formula dell’alternanza scuola-lavoro. Il tema dell’efficientamento energetico ritorna anche nel programma Onu dell’Agenda 2030, quale obiettivo 7 per lo sviluppo sostenibile, teso, come dichiarato nel punto 7.3, a “raddoppiare entro il 2030 il tasso globale di miglioramento dell’efficienza energetica”.

Il Comune di Agnone, attraverso il progetto REEHub, diventa parte attiva in questo intento, supportato dalla proficua collaborazione scientifica con figure esperte dell’ENEA, ente di indubbio spessore nel campo della ricerca e dell’operatività nel settore energetico. È una collaborazione che si sta orientando verso lo sviluppo di azioni specifiche che dovranno generare opportunità di crescita sociale, ad ampio raggio, e che non potranno prescindere da un’attenzione specifica da parte della Regione Molise, con cui si intende avviare una concertazione atta a promuovere la stesura di una legge e di opportune linee guida per la messa in esercizio obbligatoria di azioni volte al rispetto di norme idonee a garantire interventi di miglioramento dell’efficientamento energetico nel campo dell’edilizia civile, sia in tema di ristrutturazione che in tema di nuove costruzioni – afferma il vice sindaco di Agnone, Linda Marcovecchio -. Tali propositi sono stati recepiti positivamente dal team degli esperti presenti al meeting e, in occasione del workshop che si terrà in Agnone nel prossimo mese di settembre, si delineeranno in maniera definitiva gli aspetti di funzionamento del centro hub, in termini di mission specifica. Nel frattempo la casa comunale – conclude Marcovecchio – è impegnata nel predisporre gli atti per aderire alla call attualmente aperta per candidare altri progetti nell’ambito del Programma Interreg IPA Cross-Border Cooperation Programme ‘Italy-Albania-Montenegro’, progetti che oltre ad essere ragione di risorse finanziare, creano e rafforzano reti di cooperazione tra enti pubblici e privati, del mondo dell’istruzione, della ricerca e dell’imprenditoria, attivando processi vitali per la crescita dei contesti territoriali che si mettono in gioco e che guardano al futuro”.

 

Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.