Erasmus, l’Istituto Molise Altissimo di Carovilli conclude l’esperienza in Spagna

Nella penisola iberica, approfonditi argomenti quali il cyberbullismo e la libertà di religione

CAROVILLI. Volge al termine la settimana che ha visto docenti e studenti dell’I. C. “Molise Altissimo” di Carovilli  impegnati nella mobilità Erasmus Plus in Spagna, presso la scuola Fundación Educarte-Colegio Nuestra Señora del Carmen nella città di Villafranca de Los Barros. Il partenariato italiano, spagnolo, polacco e rumeno ha continuato a sviluppare il progetto comune “Know your rights to defend yourself” focalizzando l’attenzione sugli argomenti del “cyberbullismo” e della “libertà di religione”. Studenti e docenti, provenienti dalle diverse istituzioni scolastiche coinvolte, hanno presentato i rispettivi lavori che si aggiungono a quanto già approfondito precedentemente sull’ampia sfera che riguarda i diritti fondamentali dell’uomo. Ci si avvicina così alla tappa conclusiva che si svolgerà a maggio e vedrà nuovamente protagonista l’Istituto di Carovilli nell’accogliere la delegazione dei paesi partner ospiti al fine di svolgere il lavoro conclusivo del progetto, sotto forma di una raccolta digitale di buone pratiche riguardanti il tema “Know your rights to defend yourself”.

Il prodotto digitale si tramuterà in un documento di condivisione diffusa attraverso la piattaforma Etwinning, strumento fondamentale per la comunicazione tra le scuole a scala europea, attuando quelli che sono i principi cardini dell’obiettivo dell’internazionalizzazione dei partenariati Erasmus plus. Le fasi di mobilità rappresentano i momenti dell’incontro autentico tra le figure del mondo della scuola impegnate nella trattazione del tema comune attorno a cui si è stretto il partenariato che, oltre a svolgere le attività didattico-formative condivise, possono esplorare e conoscere i rispettivi territori di provenienza, sotto l’aspetto dell’organizzazione prettamente scolastica nonché dell’offerta del patrimonio culturale-turistico dei vari luoghi.

Non da ultimo si evidenzia il fondamentale contributo delle famiglie che accolgono gli studenti e che rappresentano il veicolo per trasferire conoscenze sulle tradizioni locali più intime. Nel frattempo la delegazione di Carovilli, rappresentata dalla dirigente scolastica Maria Rosaria Vecchiarelli, dai docenti  Maria Spina Cinquina, Andrea Di Rollo e Claudia Amicone, insieme agli studenti Emily Maria Genovese, Gabriele Carfagna, Serena Bucci, Doris Cenci, Emanuele Di Frangia, Chiara Gioiosa, Gilda Marchione, Angelica Mastrostefano e Giada Ricchiuti, stanno effettuando le ultime visite locali che, dopo aver fatto tappa ad Almendralejo, Caceres e Merida, li vede oggi alla scoperta dell’incantevole Siviglia prima del ritorno a casa che chiuderà una meravigliosa settimana vissuta all’insegna dello spirito della conoscenza e della fratellanza europea, piccoli semi che, nei giovani studenti, si auspica, diverranno consapevolezza di cittadinanza europea e responsabilità di partecipazione attiva per un mondo migliore.

Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.