Frosolone, Enel X e Comune inaugurano colonnine per ricarica elettrica auto

Il sindaco Giovanni Cardegna: "Un notevole passo avanti sotto in fatto di sostenibilità ambientale"

FROSOLONE –  Il sindaco di Frosolone, Giovanni Cardegna e il rappresentante di Enel X, Antonio Pecchia inaugurano in paese la prima colonnina per la ricarica elettrica per le auto. Inoltre installate due infrastrutture di ricarica in piazza Cottini ed una nella frazione Acquevive che a breve saranno attivate. Altre due entreranno in funzione successivamente nella frazione di San Pietro in Valle e in altra piazza del paese. Con l’inaugurazione odierna, il Comune di Frosolone dà concreta attuazione al protocollo d’intesa per l’installazione di una rete nazionale di colonnine per la ricarica elettrica delle auto, siglato lo scorso anno tra Enel X e l’Associazione Paesi Bandiere Arancioni, alla quale aderiscono 227 Comuni italiani, tra cui Frosolone.

Con l’installazione di 6 punti di ricarica sparse tra il centro urbano e le borgate – dichiara Cardegna – si vuole contribuire a diffondere l’auto ad emissione zero in un territorio montano vocato alla sostenibilità e alla accoglienza turistica. Il progetto si inserisce nell’ambito delle iniziative del 2019, già identificato dal Ministero dei Beni Culturali e del Turismo come “Anno nazionale del turismo lento” con l’intento di valorizzare i Borghi della penisola, espressione di autentico stile italiano, nonché di rispetto per la natura e di attenzione alla qualità ambientale. Questi impegni sono stati peraltro ribaditi nel corso dell’evento sulle “pratiche innovative per un turismo sostenibile”, svoltosi a Montecarlo il 15 febbraio scorso su iniziativa dell’Associazione Bandiere Arancioni, del Touring Club Italiano, del Principato di Monaco e dell’Ambasciata Italiana e che ha visto la partecipazione anche del Comune di Frosolone. Si conferma il forte impegno dell’amministrazione comunale – conclude il sindaco –  a dotare il proprio territorio di nuovi servizi attraverso l’introduzione di nuove tecnologie (banda ultralarga, rete Wi-fi, led per l’illuminazione pubblica, casette informatizzate per la raccolta differenziata) al fine di migliorare la qualità della vita urbana nell’ottica della strategia europea della smart city/land per i piccoli comuni.

Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.