I monarchici in lutto salutano Sergio Boschiero

Il leader storico dell'Unione monarchica si è spento all'età di 79 anni. I funerali venerdì presso il Pantheon

Il leader storico dei monarchici italiani, Sergio Boschiero, si è spento all’età di 79 anni.

A darne notizia l’attuale segretario nazionale dell’Umi, Davide Colombo:

«Questa sera alle ore 19.28, dopo breve e improvvisa malattia, presso il reparto di Medicina dell’Ospedale “Parodi Delfino” di Colleferro (RM), il Presidente Onorario U.M.I., nonché leader storico del monarchici italiani, Sergio Boschiero si è spento all’età di 79 anni. A stargli accanto nelle ultime ore il Segretario nazionale U.M.I. Davide Colombo e il Presidente dell’Ospol Luigi Marucci,Umberto_II_Sergio_Boschiero oltre agli amici più stretti. Le esequie si terranno in Roma, presso il Pantheon (Basilica dei Santa Maria ad Martyres), venerdì 5 giugno alle ore 14.00. I messaggi di cordoglio rivolti alla Famiglia possono essere recapitati presso la sede nazionale dell’U.M.I. di via Riccardo Grazioli Lante 15/A 00195 Roma».

Questo il comunicato che compare sul sito web dell’Umi: «Chiniamo le abbrunate bandiere del Regno in ricordo di colui che ha dedicato un’intera vita alla Causa Monarchica, come nessun altro nella storia d’Italia. Boschiero, trasferitosi all’inizio degli anni ’60 a Roma per volontà di Re Umberto II, ha dato vita al più grande movimento giovanile di quegli anni prima e guidato poi l’U.M.I. Fu l’indiscusso protagonista di tutte le principali battaglie monarchiche del dopoguerra. Dal 2012 è stato acclamato dal Congresso U.M.I. Presidente Onorario ed è stato insignito della Medaglia d’Oro della Fedeltà, unico caso oltre a quelle conferite “alla memoria” ai Caduti di via Medina. Con lui perdiamo un pezzo di storia, una guida, un amico».boschiero a celenza sul trigno in occasione della presentazione del libro sulla monarchia di francesco bottone

Negli anni scorsi Sergio Boschiero era stato in visita nell’Alto Vastese, in particolare a Schiavi di Abruzzo, dove aveva soggiornato, e a Celenza sul Trigno (vedi foto accanto a sinistra, ndr).

La redazione dell’Eco, in particolare il caporedattore Francesco Bottone, si associa al lutto dei monarchici d’Italia per la scomparsa di un vero galantuomo.Bottone,Giglio,Vignoli,Boschiero

Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.