Incidente di caccia a Torrebruna, condannato a due anni il cacciatore che ha premuto il grilletto

12 novembre 2019

Esattamente cinque anni dopo l’incidente di caccia, arriva la prima condanna a due anni di reclusione per un cacciatore di Castelguidone ritenuto responsabile della morte di un altro collega impegnato in una battuta di caccia al cinghiale. Nel novembre del 2014 Nicola Costanzo di Guardiabruna perse tragicamente la vita, colpito al cranio da un colpo di carabina in calibro 30.06, nel corso di una braccata al cinghiale in agro di Torrebruna. Dopo i controlli sul posto da parte dei Ris dei Carabinieri, un solo indagato, divenuto poi imputato. Nel pomeriggio di oggi la lettura della prima sentenza di condanna. I legali dell’uomo hanno già annunciato il ricorso in appello.

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO QUI

Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.