Insegnare la caccia a scuola contro l’emergenza cinghiali

La proposta arriva dalla Liguria, ma innesca il dibattito anche in Abruzzo e in Molise

Insegnare la caccia ai ragazzi a scuola per contrastare l’emergenza cinghiali in Liguria. La proposta, arrivata dal presidente del Consiglio regionale ligure Francesco Bruzzone, che è anche cacciatore, ha subito scatenato la polemica. Lui, leghista, invita a parlarne senza pregiudizi. Ma dagli ambientalisti è già arrivata la replica: “Parole da condannare”.

Quello che propone il presidente dell’assemblea è “spiegare bene ai giovani, fin dalle scuole, l’importanza della caccia, l’utilità del prelievo venatorio“, in particolare in riferimento, appunto, alla “emergenza cinghiali che negli ultimi tempi ha colpito il territorio ligure”. Questi animali hanno infatti provocato anche gravi incidenti stradali.

Secondo Bruzzone “occorre trasmettere alle nuove generazioni la purezza di una passione e di una tradizione del territorio che, di per sé, esclude ogni tipo di abitudine malsana. Il mio è un appello al mondo politico e istituzionale, naturalmente, ma anche a quello della scuola e dei provveditorati agli studi. Introduciamo la caccia come argomento da trattare a scuola, nell’ambito della tutela dell’ambiente: in questo modo, cominciando a fare opera di educazione a partire dalle scuole, sarà possibile dare vita a una politica di aumento del numero di cacciatori, per contrastare un’emergenza che è ormai fuori controllo”.

tratto da www.tgcom24.mediaset.it

Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.