Inventiamo una banconota: gli alunni di Castiglione finalisti presso la sede centrale della Banca d’Italia

E questa mattina gli studenti di terza elementare hanno ricevuto il premio regionale dai dirigenti della filiale de L'Aquila

CASTIGLIONE MESSER MARINO – «Anche le piccole scuole dei piccoli paesi riescono a fare grandi cose». Le parole di Gabriella D’Orazi della divisione segreteria della filiale Banca d’Italia de L’Aquila descrivono bene quello che hanno fatto gli alunni della classe terza della scuola primaria di Castiglione Messer Marino. La classe, guidata dalla maestra Regina Pierantonio, responsabile del progetto, e dalla collega Gabriella Piccirilli, è infatti tra i tre finalisti del concorso nazionale ideato dalla Banca d’Italia dal titolo “Inventiamo una banconota” nell’ambito di un progetto di educazione finanziaria che ha visto partecipare quasi ottocento scuole di tutta la Penisola. I piccoli alunni saranno a Roma, il prossimo 10 maggio, presso la sede centrale della Banca d’Italia, per prendere parte alla finale nazionale del prestigioso concorso. E intanto nella mattina di oggi gli studenti finalisti hanno ricevuto un premio, un assegno di mille euro, consegnato al preside Marco De Marinis, da Alessandro Tosoni, della Banca d’Italia e referente per l’educazione finanziaria in Abruzzo. Presenti alcuni amministratori locali, il direttore generale della Bcc, Fabrizio Di Marco, il direttore della locale filiale Vincenzo Piccirilli, il direttore sanitario del distretto sanitario Ercole D’Ugo, la presidente provinciale dell’Avis Silvana Di Palma, il parroco don Vincenzo Lalli e naturalmente tanti genitori, orgogliosi dei propri bambini. «Questa classe è il nostro orgoglio, – ha esordito il dirigente scolastico De Marinis – e infatti già lo scorso ha vinto un concorso nazionale sulla legalità dedicato alla memoria di Falcone e Borsellino. Oggi riceviamo dalle mani del dottor Tosoni il premio regionale e il prossimo 10 maggio questi alunni saranno protagonisti della finale nazionale a Roma». La banconota, ideata dagli alunni di terza, ha come tema l’istruzione, la cultura che rende liberi o più liberi. E quindi alla domanda «casa farei io con i soldi del mondo» i bambini hanno risposto, disegnando questa banconota: più scuole, più istruzione, più cultura per tutti. In sintesi conoscere per decidere, per essere cittadini più consapevoli e indipendenti. Un’idea che ha colpito la commissione esaminatrice e che ha portato gli esperti a premiare la classe terza di Castiglione. Tra l’altro l’esame degli elaborati è avvenuto in forma anonima in modo che la commissione potesse decidere scevra da qualsiasi condizionamento. «Questa selezione “al buio” è un ulteriore motivo di orgoglio per noi, – ha aggiunto il preside – perché non hanno premiato una scuola piccola di un’area disagiata e montana, ma hanno premiato la banconota più bella e più coinvolgente».

Francesco Bottone

tel: 3282757011

Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.