In Italia è “caccia” a periti elettronici ed elettrotecnici, l’Itis di Agnone forma queste figure

Ecco l'offerta completa dello storico istituto che quest'anno festeggia i 60 anni di vita

AGNONE. In Italia è caccia a periti industriali specializzati in elettronica ed elettrotecnica. Un diploma che l’Istituto Tecnico “L. Marinelli” di Agnone garantisce da anni grazie ad un percorso di studi di grande professionalità.

L’obiettivo del corso di studi  “ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA” è quello di creare una figura professionale capace di inserirsi in realtà produttive molto differenziate e caratterizzate da rapida evoluzione sia dal punto di vista tecnologico sia da quello dell’organizzazione del lavoro.

Il Diplomato in “Elettronica ed Elettrotecnica” è la risposta al progresso scientifico e tecnologico:

  • ha competenze specifiche nel campo dei materiali e delle tecnologie costruttive dei sistemi elettrici, elettronici e delle macchine elettriche, della generazione, elaborazione e trasmissione dei segnali elettrici ed elettronici, dei sistemi per la generazione, conversione e trasporto dell’energia elettrica e dei relativi impianti di distribuzione;
  • nei contesti produttivi d’interesse, collabora nella progettazione, costruzione e collaudo di sistemi elettrici ed elettronici, di impianti elettrici e sistemi di automazione.

È in grado di:

  • operare nell’organizzazione dei servizi e nell’esercizio di sistemi elettrici ed elettronici complessi;
  • sviluppare e utilizzare sistemi di acquisizione dati, dispositivi, circuiti, apparecchi e apparati elettronici;
  • utilizzare le tecniche di controllo e interfaccia mediante software dedicato;
  • integrare conoscenze di elettrotecnica, di elettronica e di informatica per intervenire nell’automazione industriale e nel controllo dei processi produttivi, rispetto ai quali è in grado di contribuire all’innovazione e all’adeguamento tecnologico delle imprese relativamente alle tipologie di produzione;
  • intervenire nei processi di conversione dell’energia elettrica, anche di fonti alternative, e del loro controllo, per ottimizzare il consumo energetico e adeguare gli impianti e i dispositivi alle normative sulla sicurezza;
  • nell’ambito delle normative vigenti, collaborare al mantenimento della sicurezza sul lavoro e nella tutela ambientale, contribuendo al miglioramento della qualità dei prodotti e dell’organizzazione produttiva delle aziende.

A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell’indirizzo “Elettronica ed Elettrotecnica” consegue i risultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze.

  1. Applicare nello studio e nella progettazione di impianti e di apparecchiature elettriche ed elettroniche i procedimenti dell’elettrotecnica e dell’elettronica.
  2. Utilizzare la strumentazione di laboratorio e di settore e applicare i metodi di misura per effettuare verifiche, controlli e collaudi.
  3. Analizzare tipologie e caratteristiche tecniche delle macchine elettriche e delle apparecchiature elettroniche, con riferimento ai criteri di scelta per la loro utilizzazione e interfacciamento.
  4. Gestire progetti.
  5. Gestire processi produttivi correlati a funzioni aziendali.
  6. Utilizzare linguaggi di programmazione, di diversi livelli, riferiti ad ambiti specifici di applicazione.
  7. Analizzare il funzionamento, progettare e implementare sistemi automatici.

SBOCCHI OCCUPAZINALI –  Al termine dei cinque anni di studio, il diplomato in Elettronica ed Elettrotecnica può accedere agli studi Universitari o post diploma oppure entrare direttamente nel mercato del lavoro con il profilo professionali di tecnico specializzato. In particolare:

  • nell’Industria, con mansioni di progettazione, amministrazione, manutenzione degli  impianti, produzione, commerciale (acquisti-vendite);
  • nelle Piccole aziende che si occupano della progettazione e dell’installazione di impianti  elettrici-elettronici-automazione (fotovoltaico, domotici);
  • nell’Insegnamento negli Istituti Tecnici e Professionali come Insegnante Tecnico Pratico;
  • nella Libera professione dopo esperienza maturata nel settore e iscrizione all’albo;
  • come responsabile della sicurezza e della qualità nelle aziende;
  • possibilità di partecipare ai concorsi pubblici.

 

Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.