“La Notte dei falò”, Agnone si prepara alla Grande Ndocciata

Questa sera appuntamento nel quartiere Maiella aspettando il rito del fuoco più grande e conosciuto al mondo

AGNONE. La vigilia della grande Ndocciata dell’Immacolata Concezione da vivere nel rione di Maiella. L’originale appuntamento è con la “Notte dei falò” in programma questa sera a partire dalle ore 19,00 nel quartiere che prende il nome dalla chiesa dove transitò Celestino V, il Papa del gran rifiuto. L’evento, messo in piedi dai ragazzi dell’associazione “la Repubblica di Maiella”, non nuovi a simili iniziative, anticipa di qualche ora la manifestazione clou attesa per domenica 8 dicembre, quando il corso principale di Agnone, sarà assalito da migliaia di turisti. La Notte dei falò vuole essere un prelibato antipasto di quanto accadrà il giorno seguente con la sfilata delle cinque contrade, spettacolo unico nel suo genere” dichiarano contestualmente i vice – presidenti dell’associazione, Raffaele Del Papa e Alessio D’Ottavio. Musica, artisti di strada, stand eno-gastronomici, ma soprattutto il calore e l’avvolgente fascino dei falò a caratterizzare l’iniziativa che intende diventare un appuntamento fisso nella programmazione della grande Ndocciata. “Un grazie di cuore alla Pro loco, al Comune ma in particolare ai residenti del quartiere e a tutti i volontari che hanno reso possibile questa nuova e affascinante avventura – afferma Maurizio Misischia, presidente dell’associazione, in estate balzata agli onori dei media per la rimessa a nuovo della villetta al centro della piazza -. Invitiamo tutti i turisti che in queste ore si stanno recando nella nostra cittadina a partecipare alla Notte dei falò, una serata frizzantedove poter trascorrere in allegria e trepidazione la vigilia di quello che resta il rito del fuoco più grande conosciuto al mondo”.

Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.