Lavori mulattiera: ultimati in Molise, al palo nel Vastese. Pupillo vince la sfida della lentezza

A sei mesi dall'avvio degli interventi è stato realizzato soltanto un passaggio in frana e dell'asfalto nemmeno l'ombra

BELMONTE DEL SANNIO – Peggio di una Provincia posso fare solo due Province. L’esempio lampante della assoluta verità di questo assioma è l’ormai celebre mulattiera, il percorso della ex statale Istonia che collega, dopo la inopinata chiusura del ponte sul Sente, l’Alto Molise con l’Alto Vastese. Dopo mesi di attesa sono iniziati i lavori di rattoppo dei tratti più dissestati del percorso rally che collega Agnone con Castiglione Messer Marino. Il presidente della Provincia di Isernia, Lorenzo Coia, preso da uno slancio d’entusiasmo, nelle scorse settimane ha annunciato: «Nei primi giorni di maggio potranno transitare anche i minibus». Il presidente non ha indicato il maggio di quale anno, in realtà, ma appare evidente che quella sua promessa, alla quale tra l’altro nessuno aveva creduto, non è stata mantenuta e non lo sarà ancora per molto. Il problema principale della mulattiera è, come dicevamo nell’attacco, che è gestita non da una, bensì da due Province. Già una fa i suoi bei casini, pensate cosa può succedere con una gestione congiunta. In pratica si moltiplica esponenzialmente l’inefficienza. E la riprova di quanto stiamo dicendo è appunto la ex statale Istonia. Se nel tratto gestito, si fa per dire, dalla Provincia pentra e quindi dal presidentissimo Lorenzo Coia, i lavori sono stati effettivamente realizzati, l’asfalto millimetrico è stato posato e qualche muro di sicurezza realizzato, al di qua del confine segnato dal fiume Sente, nel “regno” di Mario Pupillo, pare sia lui infatti il presidente della Provincia di Chieti, si sta ancora in modalità rally. Uscendo da Castiglione è stato allargato e stabilizzato il passaggio in frana, lavori iniziati addirittura a novembre, ma tutto lì: dopo sei mesi dall’apertura dei cantieri, di asfalto nemmeno l’ombra, si passa sulla terra e sul fango, schivando le buche, le pecore, le mandrie di mucche e cinghiali e, più avanti, facendo attenzione agli ultimissimi smottamenti innescati da sta cazzo di pioggia che cade incessantemente da una settimana. Insomma, Pupillo è riuscito, ancora una volta, nella difficilissima impresa di fare peggio della Provincia di Isernia. Un primato davvero invidiabile.

Francesco Bottone

tel: 3282757011

Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.