Meno tasse nelle zone montane, Salvatore Ciocca presenta odg in Regione

Il consigliere regionale: "Ridurre la pressione fiscale in fatto di estimi catastali"

12 febbraio 2018

CAMPOBASSO – Il momento che vivono alcune zone della nostra regione, soprattutto quelle montane e quelle definite “disagiate” è sotto gli occhi di tutti: paesi che si spopolano, giovani che al termine del percorso scolastico preferiscono cercare lavoro e futuro altrove. Una difficoltà sempre più evidente quella vissuta nella maggior parte dei nostri centri, dove allo spopolamento fa da contraltare anche la difficoltà di sostenere i beni immobiliari frutto del lavoro di una vita.

I valori immobiliari sono sempre più spesso inferiori agli automatismi scaturiti dai vigenti parametri catastali e fiscali; si impone, a mio avviso, un loro necessario aggiornamento  con le conseguenti congrue riduzioni ai fini dell’applicazione della tassazione (Irpef, Imu, etc.) che attualmente è spropositata rispetto agli effettivi valori immobiliari e alla contingente situazione economica.

Ho quindi presentato oggi un ordine del giorno con il quale, mi auguro, il Consiglio regionale vorrà impegnare il Presidente della Giunta ad attivarsi presso tutte le sedi istituzionalmente coinvolte affinché si possa procedere ad una indispensabile revisione riduttiva degli estimi catastali applicati e applicabili sul territorio regionale soprattutto in quei contesti dove sono evidenti le difficoltà socio economiche, come ad esempio le zone montane e quelle definite “disagiate” che sopravvivono allo spopolamento e all’isolamento e che da tale fiscalità diversa e maggiormente sostenibile potrebbero trovare una spinta verso il rilancio.

E’ quanto dichiara in una nota stampa il consigliere regionale, Salvatore Ciocca.

 

Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.