Provinciale chiusa dalla sera alla mattina, i pendolari: «Riaprire agli autobus la vecchia strada per Agnone»

Tre mesi di inferno si prospettano per i lavoratori che ogni giorno, dall'Alto Vastese, si recano nelle aziende sulla fondovalle Sangro

CASTIGLIONE MESSER MARINO – «La provinciale 152 tra Castiglione Messer Marino e Montazzoli viene chiusa dalla Provincia di Chieti dalla sera alla mattina. Neppure 24 ore di preavviso per chiudere l’arteria di collegamento più importante che collega i castiglionesi e gli abitanti dell’Alto Vastese ai posti di lavoro in Val di Sangro, Lanciano e Pescara. I dirigenti dell’ente Provincia hanno analizzato il percorso alternativo e i tempi di percorrenza per raggiungere la fondo valle Sangro con i mezzi pubblici? Vorrei ricordare che il percorso alternativo del 2013, cioè la strada per Agnone-viadotto Longo è chiusa e sulla strada alternativa c’è un divieto ai mezzi pesanti e gli autobus. Quale sarà il destino dei pendolari? Scendere sulla Fondo Valle Trigno, andare a Vasto e raggiungere Atessa? Il presidente Mario Pupillo che da quando si è insediato nulla ha fatto per l’Alto Vastese si attivi immediatamente per far riaprire al transito degli autobus la strada vecchia per Agnone».

Le polemiche e le proposte all’indirizzo della Provincia arrivano da Domenico Fangio, lavoratore pendolare ed esponente del centrosinistra di Castiglione Messer Marino.

Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.