Quattrocento medici al chiuso per aggiornamenti sul Covid19, Smargiassi: «Proprio così si diffonde il contagio»

Il presidente della Commissione Vigilanza della Regione Abruzzo ha chiesto alla Asl di annullare l'incontro. La soluzione proposta: una videoconferenza

27 febbraio 2020

Una missiva per chiedere formalmente al direttore generale della Asl, Thomas Schael di annullare la riunione prevista per questo pomeriggio alle ore 19:30 con oggetto “Aggiornamenti sul COVID19“, poiché le modalità di organizzazione appaiono in aperto contrasto con i basilari principi di prevenzione, comunicati dal Ministero della Salute, proprio in merito al contenimento di diffusione del Coronavirus. Ad inviarla a Schael è il Presidente della Commissione Vigilanza di Regione Abruzzo Pietro Smargiassi.

«La riunione – spiega Smargiassi – si dovrebbe tenere presso l’Auditorium dell’Università di Chieti per aggiornamenti sul COVID19. Una scelta che trovo inopportuna sotto diversi e numerosi profili. Primo fra tutti il fatto che si tratta di un incontro che comporta l’assembramento di un numero notevolissimo di persone, circa 300/400, in ambiente chiuso, violando le prassi e i comportamenti di base consigliati dal Ministero della Salute, volti ad evitare proprio il propagarsi del COVID19. La nostra regione, in queste ultime ore, ha fatto registrare almeno un caso accertato di COVID19; buona norma consiglierebbe quindi di ricorrere a strumenti quali videoconferenza per informare il personale e operatori sanitari sugli aggiornamenti in merito alla diffusione del virus in argomento. Mi preme sottolineare che le perplessità esposte nella missiva sono state rappresentate anche all’Assessore alla Sanità Nicoletta Verì ed hanno trovato nella stessa ampia condivisione. Stiamo parlando di una lettera dai toni perentori che obbliga tutti i destinatari a presenziare alla riunione, senza considerare eventuali rapporti che gli stessi potrebbero aver intrattenuto con soggetti portatori del virus. Alla luce di tutto quanto sin qui esposto, ed al fine di evitare eventuali situazioni che potrebbero facilitare il propagarsi del virus e alla ASL 2 un inutile rischio di esposizione a richieste risarcitorie per ipotesi di contagio nel corso della riunione, ho chiesto al Direttore di annullare l’incontro».

Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.