Regione Molise, Donato Toma firma decreto deleghe assessorili

Dopo l'azzeramento della giunta, il governatore rinomina i componenti dell'esecutivo. Cambia ben poco

CAMPOBASSO – Il presidente della Regione Molise, Donato Toma, ritenuto opportuno procedere all’attribuzione delle deleghe agli assessori e, contestualmente, provvedere ad una ridistribuzione delle deleghe ai fini di rendere maggiormente efficace l’azione di governo e il monitoraggio semestrale delle attività assessorili, ha decretato:

il presidente Donato Toma, oltre ai compiti istituzionali propri e alle materie non assegnate esplicitamente agli assessori, curerà le materie relative a: Programmazione e politiche comunitarie, Cooperazione internazionale; Agenzie e Partecipate, Bilancio, Finanze e Patrimonio; Comunicazione; Ricostruzione post-sisma; Protezione Civile; Sanità; Riforme Istituzionali, Rapporti con gli Enti Locali; Politiche delle risorse umane.

Ai componenti della Giunta regionale sono assegnate le deleghe come segue:

all’assessore e vicepresidente Vincenzo Cotugno: Attività produttive e sviluppo economico; Semplificazione dei processi burocratici; Internazionalizzazione delle imprese; Accesso al credito; Turismo e marketing territoriale, Cultura, Molisani nel mondo;

all’assessore Nicola Cavaliere:  Politiche agricole ed agroalimentari; Sviluppo rurale; Programmazione forestale; Caccia e pesca; Pesca produttiva, Tutela dell’ambiente; Difesa del suolo; Politiche energetiche;

all’assessore Roberto Di Baggio: Urbanistica e Pianificazione territoriale; Politiche della casa; Rapporti con l’Ente regionale per l’edilizia sociale (Eres) e gli IACP; Istruzione e formazione professionale; Università ricerca ed innovazione;

all’assessore Luigi Mazzuto: Politiche della famiglia, giovanili e di parità; Politiche del lavoro; Politiche sociali, Terzo settore; Politiche per l’immigrazione; Tutela dei consumatori;

all’assessore Vincenzo Niro: Lavori pubblici; Viabilità ed Infrastrutture, Sistema idrico integrato; Sport ed impiantistica sportiva; Trasporti e mobilità; Demanio regionale.

Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.