Spettacoli, all’Italo Argentino una stagione teatrale da urlo

Sarà presentata ufficialmente lunedì 15 gennaio a Campobasso. Ecco un’anteprima. Si parte con “Dieci piccoli indiani” tratto dal romanzo di Agatha Christie

AGNONE – Una stagione teatrale dai grandi nomi e spettacoli. E’ quella che vivrà il teatro Italo Argentino di Agnone dal 26 gennaio al 20 aprile grazie alle cinque rappresentazioni che la Fondazione Molise Cultura porterà in scena sul palcoscenico della struttura altomolisana.

La presentazione ufficiale avverrà lunedì 15 gennaio alle ore 16,00 nella sala stampa Gil di Campobasso. All’appuntamento interverranno Antonella Presutti, presidente della Fondazione Molise Cultura, l’assessore regionale alla Cultura, Nico Ioffredi, il vice sindaco di Agnone, Linda Marcovecchio.

Per quanto riguarda il programma della stagione, il primo appuntamento è fissato al 26 gennaio con “Dieci piccoli indiani” dal romanzo di Agatha Christie che ha venduto oltre 110 milioni di copie e il prossimo 21 gennaio in scena al teatro Quirino di Roma. Lo spettacolo, diretto dal regista Ricard Reguant, vedrà avvicendarsi un cast importante formato da Giulia Morganti, Pierluigi Corallo, Caterina Misasi, Piero Bontempo, Leonardo e Mattia Sbraglia, Ivana Monti, Luciano Virgilio, Alarico Salaroli, e Carlo Simoni. La seconda serata è prevista per sabato 10 febbraio con “Maledetto Peter Pan” con Michela Andreozzi per la regia di Massimiliano Vado.

Sabato 17 marzo in scena “Napule è…n’ata storia” con Mariangela D’Abraccio per la regia di Consuelo Barilari.

L’11 aprile sarà la volta di “Le Bal – L’Italia balla dal 1940 al 2001” per la regia di Giancarlo Fares. Infine “Terroni – La vera storia dell’Unità d’Italia” tratto dall’omonimo libro di Pino Aprile per la regia di Roberto D’Alessandro è atteso venerdì 20 aprile.

Resi noti anche i prezzi della campagna abbonamenti che prevede 45 euro per tutti gli spettacoli. Particolare attenzione per gli studenti che potranno accedere alle cinque rappresentazioni al costo di 25 euro.

Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.