Troiano: «Amministrare non vuol dire solo fare qualche chilometro di asfalto»

Il candidato consigliere della Lega replica alle accuse mosse al suo indirizzo dal sindaco Piluso nel corso del comizio

SCHIAVI DI ABRUZZO – «Piluso ha svelato il segreto di Pulcinella: certo che ho chiesto di stare in lista con loro, perché il nostro obiettivo era quello di fare una sola lista, proprio per collaborare, tutti insieme, per il bene del paese».

L’ex assessore della giunta Piluso, Carlo Troiano, replica alle accuse mosse contro di lui dal primo cittadino nel corso del comizio di ieri pomeriggio a Schiavi. Piluso ha accusato Troiano di essere «incoerente» rispetto alla scelta dissidente fatta negli anni scorsi. La replica non si fa attendere, contenuta nel seguente comunicato elettorale:

«A me non interessano le questioni di partito, ma solo il bene del paese e credo di aver dimostrato di essere sempre a disposizione, in estate come in inverno, con la delega di assessore o senza. – riprende Troiano – In quella maggioranza, dove c’è una sorta di culto della personalità per il leader, è chiaro che chi la pensa in maniera differente viene messo alla porta. Non è un problema, continuerò a lavorare per il bene di Schiavi nella nuova lista, guidata da Tito Falasca. Una lista che, lo voglio sottolineare, ha l’appoggio della Lega Abruzzo e infatti mercoledì sarà qui con noi a Schiavi l’assessore regionale Nicola Campitelli che ringrazio pubblicamente. Avere dei contatti e degli agganci in Regione è molto importante per le amministrazioni dei piccoli centri montani, per non rimanere isolati anche politicamente».

Entrando poi nel merito delle questioni sollevate ieri pomeriggio dal sindaco Piluso, Troiano aggiunge: «Non ci si può limitare a fare manutenzione stradale, perché non è solo quello il compito dell’amministrazione comunale. In passato abbiamo verificato che facendo economia sugli asfalti è possibile accumulare risorse utilizzabili magari in altri settori. Il nostro obiettivo è quello di realizzare in paese una casa di riposo per anziani, perché non è bello che gli anziani debbano lasciare il luogo dove sono nati per andare a morire altrove. Mancano le risorse? Certo, ma le risorse si trovano, risparmiando dove è possibile e accedendo a finanziamenti specifici e l’aggancio con l’assessore regionale Campitelli può essere utile anche in questa direzione».

 

Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.