Il fucile non spara, cacciatore ferito gravemente da un cinghiale

L'episodio a Palombaro questa mattina. Sul posto l'eliambulanza. A salvargli la vita i suoi segugi che hanno attaccato il selvatico

PALOMBARO – Il fucile non spara, cacciatore ferito da un cinghiale.

L’episodio questa mattina nel territorio comunale di Palombaro (CH), in località Vallone. A rimanere ferito, con profonde lesioni all’addome, ad una gamba, alle braccia e alle mani, un esperto cacciatore di Pennapiedimonte. L’uomo, sulla settantina, A.D.G. le sue iniziali, era intento in una battuta al cinghiale insieme ai suoi compagni di squadra. Probabilmente a causa del mancato funzionamento del suo fucile non è riuscito a sparare ad un cinghiale ferito che lo stava caricando. L’animale ha aggredito l’uomo facendolo cadere, riuscendo ad affondare ripetutamente le zanne sulle gambe e sul fianco dello sventurato. Nel tentativo di difendersi parando i colpi, il cacciatore ha riportato profonde ferite alle mani e all’addome. A salvargli la vita i suoi segugi che hanno attaccato il cinghiale, finito poi da altri cacciatori sopraggiunti. Lanciato l’allarme dai suoi stessi compagni di squadra, sul posto è giunta una ambulanza. Il personale sanitario ha richiesto l’intervento dell’eliambulanza che ha successivamente trasferito il cacciatore in ospedale a Chieti. L’uomo ha perso molto sangue, ed è stato sottoposto ad un intervento chirurgico, ma pare non sia in pericolo di vita.

* foto di repertorio

Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.